Liberté

Questo articolo è stato letto 516 volte!

 

Preparando l’esame di terza media ho incontrato una poesia magnifica, che ho portato in lingua per l’esame di francese. 

Lo so che “magnifica” non è l’aggettivo adatto a definire una poesia, ma questa mi è proprio rimasta impressa e ancora mi ricordo a memoria alcuni versi … 

È la poesia di un “maquisard”, un partigiano francese che scappava dall’esercito tedesco. In Francia i partigiani venivano definiti “maquisards” perchè si nascondevano nella “maquis”, vale a dire la macchia mediterranea. 

Nella poesia il partigiano dice che  vuole scrivere ovunque la parola libertà. La vuole scrivere  sugli oggetti materiali, come un quaderno, ma anche sull’orizzonte. 

Noi abbiamo anche dei taccuini in cui egli scriveva la sua esperienza quotidiana di partigiano. Si definiva senza famiglia e senza casa, per il semplice fatto che i suoi cari li aveva lasciati prima di partire per la guerra, e quindi una casa calda e accogliente dove poter tornare a dormire, lui non ce l’aveva più … Eh già, perchè lui doveva dormire con il continuo terrore di essere scoperto, e non rimaneva più un giorno nell’accampamento in cui aveva dormito. 

Non ho mai pensato che la vita da partigiano fosse così terribile prima di

leggere la poesia e di leggere le motivazioni che avevano porato l’autore a

scrivere su un quadernetto ogni giorno una poesia diversa.

 

La poesia è stata scritta da Paul Eluard nel 1942.

Si intitola “Liberté” e la riporto ora qua sotto con la traduzione che usai

all’esame e che ho fatto io personalmente con l’aiuto di una mamma francese.

 

Sur mes cahiers d’écolier

Sur mon pupitre et les arbres

Sur le sable sur la neige

J’écris ton nom

 

Sur toutes les pages lues

Sur toutes les pages blanches

Pierre sang papier ou cendre

J’écris ton nom

 

Sur les images dorées

Sur les armes des guerriers

Sur la couronne de rois

J’écris ton nom

 

Sur la jungle et le désert

Sur les nids sur les genêts

Sur l’écho de mon enfance

J’écris ton nom

 

Sur les merveilles des nuits

Sur le pain blanc de journées

Sur les saisons fiancées

J’écris ton nom

 

Sur tous mes chiffons d’azur

Sur l’étang soleil moisi

Sur le lac lune vivante

J’écris ton nom

 

Sur le champs sur l’horizon

Sur les ailes des oiseaux

Et sur le moulin des ombres

J’écris ton nom

 

Sur chaque bouffées d’aurore

Sur la mer sur les bateaux

Sur la montagne démente

J’écris ton nom

 

Sur la mousse des nuages

Sur les sueurs de l’orage

Sur la pluie épaisse et fade

J’écris ton nom

 

Sur les formes scintillantes

Sur les cloches des couleurs

Sur la vérité physique

J’écris ton nom

 

Sur les sentiers éveillés

Sur les routes déployées

Sur les places qui débordent

J’écris ton nom

 

Sur la lampe qui s’allume

Sur la lampe qui s’éteint

Sur mes raisons réunies

J’écris ton nom

 

Sur le fruit coupé en deux

Du miroir et de ma chambre

Sur mon lit coquille vide

J’écris ton nom

 

Sur mon chien gourmand et tendre

Sur ses oreilles dressées

Sur sa patte maladroite

J’écris ton nom

 

Sur le tremplin de ma porte

Sur les objets familiers

Sur le flot du feu béni

J’écris ton nom

 

Sur toute chair accordée

Sur le front de mes amis

Sur chaque main qui se tend

J’écris ton nom

 

Sur la vitre des surprises

Sur les lèvres attendries

Bien au-dessus du silence

J’écris ton nom

 

Sur mes refuges détruits

Sur mes phares écroulés

Sur les murs de mon ennui

J’écris ton nom

 

Sur l’absence sans désir

Sur la solitude nue

Sur les marches de la mort

J’écris ton nom

 

Sur la santé revenue

Sur le risque disparu

Sur l’espoir sans souvenir

J’écris ton nom

 

Et par le pouvoir d’un mot

Je recommence ma vie

Je suis né pour te connaître

Pour te nommer

 

Liberté

 

Traduzione

 

Sui miei quaderni di scolaro

sulla mia cattedra e sugli alberi

sulla sabbia sulla neve

scrivo il tuo nome

 

Su tutte le pagine lette

su tutte le pagine bianche

pietra sangue carta o cenere

scrivo il tuo nome

 

Sulle immagini dorate

sulle armi dei guerrieri

sulle corone dei re

scrivo il tuo nome

 

Sulla giungla e sul deserto

sui nidi e sui cespugli

sull’eco della mia infanzia

scrivo il tuo nome

 

Sulla meraviglia delle notti

sul pane bianco dei giorni

sulle stagioni fidanzate

scrivo il tuo nome

 

Su tutti i miei stracci d’azzurro

sullo stagno sole marcito

sul lago luna viva

scrivo il tuo nome

 

Sul campo sull’orizzonte

sulle ali degli uccelli

e sul mulino delle ombre

scrivo il tuo nome

 

Su ogni sbuffo d’aurora

sul mare sulle barche

sulla montagna demente

scrivo il tuo nome

 

Sulla spuma delle nuvole

sui sudori della tempesta

sulla pioggia spessa

scrivo il tuo nome

 

Sulle forme scintillanti

sulle campane dei colori

sulla verità fisica

scrivo il tuo nome

 

Sui sentieri risvegliati

sulle strade dispiegate

sulle piazze che trabordano

scrivo il tuo nome

 

Sul lume che s’accende

sul lume che si spegne

sulle mie ragioni riunite

scrivo il tuo nome

 

Sul frutto tagliato in due

dello specchio e della mia stanza

sul mio letto conchiglia vuota

scrivo il tuo nome

 

Sul mio cane goloso e tenero

sulle sue orecchie drizzate

sulla sua zampa maldestra

scrivo il tuo nome

 

Sulla pedana della mia porta

sugli oggetti familiari

sul flusso benigno del fuoco

scrivo il tuo nome

 

Su ogni carne accordata

sulla fronte dei miei amici

su ogni mano che si tende

scrivo il tuo nome

 

Sul vetro della sorpresa

sulle labbra intebnerite

ben al di sopra del silanzio

scrivo il tuo nome

 

Sui miei rifugi distrutti

sui miei fari crollati

sui muri della mia noia

scrivo il tuo nome

 

Sull’assenza senza desiderio

sulla solitudine nuda

sui gradini della morte

scrivo il tuo nome

 

Sulla salute ritornata

sul rischio scomparso

sulla speranza senza ricordo

scrivo il tuo nome

 

E per il potere d’una parola

ricomincio la mia vita

sono nato per conoscerti

per nominarti

 

Libertà

 

Giorgia Capaldi (IC)