La notte nazionale del liceo classico … europeo

Questo articolo è stato letto 26 volte!

LOCANDINA 202017 gennaio 2020. VI edizione della Notte Nazionale del Liceo Classico (NNLC). La nostra scuola, insieme ad altre 440, vi ha aderito. Tema di quest’anno? La crisi ambientale.

La serata si è aperta con la visione del video musicale scritto e interpretato dall’ artista Francesco Rainero “L’Ombra delle Nuvole”, a cui è seguito il caloroso saluto del Rettore. Subito dopo, le performance: innanzi tutto la lettura recitata, da parte di alcuni studenti di IB, del brano vincitore del concorso di scrittura creativa indetto dagli organizzatori della NNLC, poi un intervento di violino, eseguito da una talentuosa studentessa di IIB, che ha suonato il Primo Tempo della Quarta Sonata di Hӓndel.

La prima parte della serata si è conclusa con l’intervista al nostro ospite d’onore, il giornalista e divulgatore scientifico Andrea Vico. Organizzata da noi della redazione di UmberTimes, la conferenza “Il Clima con le Tue Mani” ha fornito interessanti delucidazioni sulla condizione del nostro pianeta, sull’impatto che abbiamo su di esso e sulle piccole azioni quotidiane che possono migliorare o peggiorare la qualità della nostra vita. È stato poi lasciato spazio ai dubbi e alle domande del pubblico.

Alle 20:00 è iniziato il buffet, composto principalmente da gustosi stuzzichini. Mad World dei Tears for Fears, interpretata da due studentesse di ID, ha aperto la seconda parte della serata, alle 21:00. In seguito, una performance teatrale: le ex studentesse del Convitto Elena Catalanotto e Beatrice Cagliero hanno rappresentato Naturales Questiones – La Natura si confessa, in cui una disperata Madre Natura interloquisce con la sua psicanalista e le confessa i propri timori e sentimenti che prova verso l’uomo. La IIB ha poi presentato due magnifici progetti: un’esibizione di canto con la cover di Heal the Worlddi Michael Jackson, e il mini-recital “Sta soffrendo”. Quest’ultimo ha posto nuovamente sotto i riflettori la Madre Terra, distrutta dall’azione dell’uomo, che interagisce con i propri figli – proprio le principali nazioni colpevoli dell’inquinamento globale: la Terra alla ricerca di un dialogo per tentare di comprendere le ragioni dietro agli atti che hanno portato all’attuale condizione del pianeta. Passato e presente si sono a questo punto intrecciati grazie alla lettura, da parte di due studenti di IID, di un brano tratto da Marcovaldo, seguita immediatamente dalla performance “Arte Contemporanea ed Ecosostenibilità”: gli studenti di IVB hanno mostrato a tutti come gli artisti contemporanei vivano la crisi ambientale dei nostri giorni e come cerchino di sensibilizzare il pubblico, fondendo drammaticità della situazione e arte in capolavori unici.

A chiudere la serata sono state musica e poesia: la prima di un flauto traverso e di un sassofono, suonati da due studenti di ID; la seconda del Proemio dell’ Agamennone di Eschilo, a cura di alcuni studenti di VB e VD. Alla fine, i ringraziamenti e gli ultimi brani eseguiti al pianoforte. Così si sono concluse le nostre cinque ore a scuola, che hanno contribuito a creare o accrescere l’unione tra gli studenti, i professori e il luogo dove passiamo gran parte della nostra giornata.

Daniele Avelluto e Isabella Scotti